Monti all’Arena del Sole, la protesta Cariche e petardi, dodici feriti Bloccati i viali per mezz’ora – Il Resto Del Carlino – Bologna

17 Giugno 2012 0 Di ken sharo

Il premier in città

Contatti tra i manifestanti e le forze dell’ordine, tra lanci di oggetti e manganellate. Imbrattate due banche e tre auto. Centro blindato. Il questore Stingone: “Servizio d’ordine ineccepibile”

Scontri tra forze dell'ordine e manifestanti a Bologna in occasione della visita del premier Monti (foto Schicchi)

Scontri tra forze dell’ordine e manifestanti a Bologna in occasione della visita del premier Monti (foto Schicchi)
Articoli correlati

Bologna –  Come si temeva, alle 15.50 i manifestanti che protestano (guarda le fotocontro il premier Mario Monti, ospite all’Arena del Sole per la Repubblica delle Idee, si sono scontrati con il blocco delle le Forze dell’ordine in via Indipendenza. Dopo una mezz’ora di attesa, il corteo proveniente da via Irnerio (e dove sfilano, tra gli altri, Cua, Cas e Crash) si è avvicinato al blocco della Polizia fino a trovarsi faccia a faccia con gli agenti.
Poi è iniziato il lancio di uova, bottiglie e bastoni, e subito dopo gli scontri, che ancora continuano con delle pause in cui i manifestanti arretrano per organizzarsi di nuovo. La Polizia ha mantenuto la posizione, difendendosi coi manganelli. Il corteo, così, ha deciso di ritirarsi e sfilare verso via Irnerio (guarda i video dei cortei ripresi dall’elicottero)

 

Anche il Tpo si è scontrato con il cordone delle forze dell’ordine, nei pressi di via Goito, dopo il fallimento della trattiva per far intervenire uno dei manifestanti all’evento cui partecipa Monti. Gli attivisti si sono attrezzati con scudi di protezione di polistirolo, elmetti da cantiere, maschere e foulard (guarda il video). Sono stati lanciati grossi petardi contro la polizia.  Vano è stato il tentativo di mediare da parte di Roberto Sconciaforni, consigliere comunale di Fds. I centri sociali sono avanzati prima di essere fermati dalle forze dell’ordine.

 

Dodici uomini, tra poliziotti e carabinieri, tra cui anche due funzionari, sono rimasti contusi nei tafferugli. Tra i feriti, c’è anche il Questore vicario di Bologna, Errico Grazioso Fusco, che coordinava il servizio di ordine pubblico dalla parte di via Irnerio, dove le forze dell’ordine hanno fronteggiato il corteo di Cua, Insolventi e Vag61.

 

Blitz alla Deutsche Bank di via Marconi, “sanzionata” dagli attivisti del Tpo. Contro l’istituto di credito vengono lanciati palloncini di vernice rossa e fanno la comparsa le scritte “Noi la crisi non la paghiamo” (con gli stencil) e uno slogan che si ispira al dialetto “Quitammuort”, che un manifestante incappucciato traccia con la vernice nera.
Verso le 16,60-17 entrambi i cortei di manifestanti scesi in piazza per contestare Monti si sono allontanati dalla zona attorno al teatro Arena del Sole, che resta blindata dagli uomini e mezzi delle forze dell’ordine. Gli studenti che erano in via Righi si sono allontanati da via Indipendenza per raggiungere la zona universitaria, mentre i centri sociali guidati dal Tpo sono confluiti in piazza Nettuno, dopo aver percorso via Ugo Bassi.

In particolare, i manifestanti del Tpo e di altre associazioni si sono fermati: “La nostra iniziativa finisce qua”, ha detto Gianmarco De Pieri, leader del centro sociale. Il gruppo ha steso in terra lo striscione che aveva sempre tenuto in apertura di corteo: “Contro la democrazia dello spread, Monti dimettiti”. Per quanto riguarda il corteo Cua-Insolventi, invece, oltre 300 persone hanno bloccato i viali poco dopo le 17 all’altezza di Borgo Masini per circa mezzora (guarda il video 1 – 2). Il gruppo si è poi diretto in via Indipendenza. 

Poco dopo le 19 si è concluso in piazza Re Enzo il corteo di contestazione al presidente del Consiglio.

Monti all’Arena del Sole, la protesta Cariche e petardi, dodici feriti Bloccati i viali per mezz’ora – Il Resto Del Carlino – Bologna.