Informare gratis – Wittgenstein

16 Luglio 2015 0 Di luna_rossa

informazione

Qualche giorno fa su Twitter è girato un annuncio di offerta di lavoro, che aveva colpito l’autore del tweet.

Testata Giornalistica online cerca una redattrice donna per la stesura di articoli sul quotidiano online SocialChannel.
Chiediamo 10 articoli al giorno tutti i giorni (7 giorni su 7) sulle tematiche:
– cronaca;
– spettacolo;
– gossip;
– attualità.
La retribuzione di 250 euro mensili.
Il lavoro può essere svolto da casa (in questo caso richiediamo un colloquio via skype di presentazione), mentre per chi vive in zona Milano, può contattarci telefonicamente al nostro recapito (che trovate di seguito) e vi aspettiamo mercoledì a partire dalle 14 in Piazza XXV Aprile, 9, presso il nostro ufficio. No perditempo.

Riassumo: l’idea è che se scrivete ogni giorno – ogni giorno – dieci articoli, sarete pagate 250 euro al mese. Dovete essere donna, per qualche ragione. No perditempo è un inciso affascinante, che incuriosisce sulla psicologia dell’estensore dell’annuncio.
Un annuncio come questo genera due reazioni tra i giovani in cerca di lavoro: una è di rabbia e indignazione, e protesta; l’altra è di rassegnata indifferenza, “sai quanti ce ne sono, così”.

E infatti ce ne sono molti. Anche per chi come me ha incontrato in questi cinque anni del Post almeno duecento giovani in cerca di lavoro giornalistico e conosce le loro storie e gli aneddoti sui “cinque euro a pezzo” anche in testate assai note, il sottobosco di siti che cercano manovalanza per produrre contenuti un tanto al chilo è di impressionante estensione e sfacciataggine. Prendete questo.

Il lavoro richiede un impegno minimo poiché vi è totale libertà: nella scelta degli argomenti, nel numero di battute (anche se è preferibile stare nei 2000 caratteri) e nell’impegno collaborativo. Potete scrivere di qualsiasi argomento purché rientrino nelle nostre sezioni: Politica e Attualità, Mondo ed Esteri, Cronaca, Cinema, Libri, Televisione e Spettacolo, Musica, Calcio e Sport, Salute e Benessere. Al momento non è previsto alcun tipo di compenso né tantomeno è possibile prendere il patentino da pubblicista tramite la collaborazione con il giornale (questo non dipende da noi ma dall’O.d.g.). Prima Pagina on line vi offre la possibilità di essere letti da circa 800 persone al giorno, di fare esperienza nel settore giornalistico e di mettere in pratica la vostra passione: la scrittura. Potete lavorare ai vostri articoli comodamente da casa, nella massima libertà. La libertà nella collaborazione è un nostro tratto distintivo: decidete voi quando cominciare, decidete voi quando inviare i pezzi, decidete voi quando terminare la collaborazione.

Sta tra le “offerte di lavoro”: e in effetti è senz’altro un’offerta di lavoro.
Voi direte, vabbè, basta non accettare, farsi due risate (inciso: sui frequenti equivoci delle discussioni sul “lavoro gratis” avevo scritto qui). Oppure accettare, se a qualcuno fa piacere scrivere cose inutili su siti inutili costruiti per fare volumi di pagine da far circolare sui social network e su Google, a prescindere dalla qualità dei loro contenuti. Nessuno sta obbligando nessuno e fesserie ne circolano tante.

Come sapete, quando si tratta di uso del lavoro, non è mai del tutto vero che nessuno obblighi nessuno e che le scelte siano libere. Ma il tema che volevo aggiungere è un altro. Questi siti – ce ne sono tanti – affollano la Rete di articoli prodotti da persone malpagate o persino non pagate, e disincentivate a cercare qualunque qualità o accuratezza nelle cose che fanno. Dieci pezzi al giorno, e vuoi anche farli bene? Ma non è nemmeno richiesto, ci mancherebbe. Quel che conta è che diventino link su cui si possa cliccare. Benché li chiamino articoli, non è lavoro giornalistico, né per quel che offre di servizio alla comunità né per nessun tratto di competenza, specializzazione, valore, utilità pubblica. Sono andato a guardarne alcuni, dopo che aspiranti collaboratori al Post mi avevano segnalato i loro articoli pubblicati su questi siti. Nella pagina Facebook del primo che ho guardato gli articoli sono condivisi in post di appena poche parole, come si usa. Ma già in quelle poche parole:

– uno è su “Johnny Deep
– uno dice “oggi ricoridiamo” e “immortali le sue donne donne”
– uno sancisce che i Queen siano “la più celebre rock band britannica di tutti i tempi” e dice “immortale le parole” e “Wimbley” per Wembley.

In un altro sito compaiono articoli come questo. Riproduco nella sua interezza, non è una selezione.

Lo stress del traffico può portare i conducenti a distrarsi in vario modo:  c’è chi ascolta la musica, chi parla al telefono, chi addirittura legge, ma una 30enne inglese questa volta l’ha fatta proprio grossa. La giovane donna, come riportano i siti stranieri, ha ben pensato di praticare autoerotismo con il suo nuovo sex toy. Purtroppo però la passione e la concitazione del momento hanno distratto la ragazza dalla guida che con la sua vettura ha causato un piccolo tamponamento, fortunatamente senza gravi conseguenze, contro un furgoncino. A svelare l’intimo segreto della donna, e soprattutto la causa dell’incidente, sono state delle telecamere di sorveglianza che hanno immortalato il momento e scagionato il pilota del furgone che invece rischiava di perdere il posto di lavoro.

Fine dell’articolo: e se doveste pagare un lavoro di questo genere, quanto lo paghereste? (sia chiaro che non ho niente contro chi scrive e pubblica quel che vuole su internet, liberi tutti: il tema sono le conseguenze dell’equivocare questa come “informazione”, per chi la fa e chi la legge).
Questo cane che si morda la coda insomma produce un affollamento di persone che lavorano gratis o quasi gratis per produrre un affollamento di “articoli” scadenti, falsi, pieni di errori, che riempiono la Rete, e immeritevoli di retribuzioni dignitose. In chi li scrive generano l’illusione di stare “avvicinandosi al giornalismo”, attraverso una strada da cui non impareranno niente se non pessimo giornalismo e pessima scrittura (e che non offre niente che giustifichi e e compensi l’inesistente retribuzione): in chi li legge generano uno scadimento ulteriore della qualità della sua informazione.

Ci si può fare qualcosa? Non credo. La storia recente ha dimostrato (vedi su tutti il caso dell’alta fedeltà nella musica, annientata dalla praticità, disponibilità e gratuità degli mp3; o dei cinema abbandonati in favore di display ridottissimi e versioni sgranate delle prime visioni) che preferiamo cose scadenti e gratis e disponibili facilmente, alla qualità: e anche l’informazione sta andando in questa direzione. Le news diventano sempre più compresse, mediocri, volatili, troppe, come gli mp3. Per questo internet si riempie di megacontenitori di news inutili e malfatte e di annunci di offerte di lavoro squalificato (e un altro problema è che le testate “vere” abbassano di conseguenza i loro standard, per giocare nello stesso campionato). Per molti ragazzi che le accettano forse sarà come era andare a raccogliere i pomodori l’estate, per imparare a lavorare e guadagnare qualcosa, e alcuni lo otterranno: però i pomodori che poi mangiavamo noialtri erano buoni.

Sorgente: Informare gratis – Wittgenstein