No TAV: nuovi arresti in Val Susa – DinamoPress

23 Giugno 2016 0 Di luna_rossa

Appena terminate le elezioni scatta l’operazione a orologeria dei pm torinesi.

Appena terminate le elezioni scatta l’operazione a orologeria dei pm torinesi. Ieri sono stati 23 gli attivisti colpiti da arresti, domiciliari e obblighi di firma, tra loro tre ultrasessantenni. In serata assemblea a Bussoleno
L’appello per la liberta di ricerca e di pensiero. Per aderire: [email protected].
Su condanna alla studentessa per la tesi No Tav leggi anche C’è un giudice a Torino

All’alba di ieri, i pm di Torino hanno dato vita ad un’ennesima operazione contro il movimento NO TAV. Coinvolte 23 persone, tra loro studenti universitari e ultrasessantenni, residenti in Valle, a Torino e in altre città italiane. Tre persone sono state tradotte in carcere, mentre ad altre 9 sono state costrette ai domiciliari; per tutti gli altri è stato disposto l’obbligo di firma. I fatti incriminati riguardano la giornata del 28 giugno 2015 quando una manifestazione sfidò il divieto di accesso al cantiere dell’Alta Velocità e venne caricata dalla celere. Tra le persone portate in carcere, raccontano gli attivisti in un comunicato sul sito notav.info “c’è Fulvio, valligiano degli Npa di 64 anni che ha rifiutato di stare ai domiciliari.”

Nicoletta Dosio – una delle manifestanti colpite dagli obblighi di firma – ha 70 anni, e in un video pubblicato su youtube ha dichiarato: “Che sia chiaro, io non accetterò di andare tutti i giorni a chiedere scusa ai carabinieri, non accetterò che la mia casa diventi la mia prigione.” Un’altra delle attiviste con le firme, Marisa, ha qualche anno in più, e il giorno della manifestazone si trovava sul furgone “perchè ha qualche difficoltà a camminare”.

Nicoletta: “Io non chiederò scusa”


In serata è stata lanciata un’assemblea a Bussoleno, per decidere come rispondere all’ennesimo attacco al movimento e continuare la mobilitazione durante l’estate.

Sorgente: No TAV: nuovi arresti in Val Susa – DinamoPress